Fazua Evation opinioni tecnica pregi e difetti


Fazua Evation opinioni tecnica pregi e difetti

Il motore Fazua Evation è un prodotto relativamente nuovo ma che oggi inizia ad essere conosciuto anche al di fuori della Germania, dove sono diversi anni che equipaggia produttori locali.

Ha diverse particolarità, è composto tra tre parti fondamentali, il movimento centrale, il motore e la batteria. Motore e batteria sono entrambi estraibili, questa è la prima innovazione.

Infatti il gruppo motore è completamente estraibile e lo stesso vunge anche da supporto per la batteria, a sua volta estraibile insieme al motore o separatamente dallo stesso.

A differenza dei concorrenti, quindi, il motore non si trova nel movimento centrale ma nel tubo obliquo.

Il movimento centrale alloggia i sensori che comandano il motore elettrico ed, ovvimante, l’ingranaggio che collaga le pedivelle al motore elettrico.

La particolarità risiende che quando il motore elettrico non è in funzione viene sganciato dal movimento centrale e così si pedala senza dover trascinare tutto il motore, cosa che avviene con i motori centrali o nel mozzo della ruota posteriore.

Il motore ha una potenza di 250 Watt nominali e 400 Watt di potenza massima, con una coppia di 60 nm.

L’ausilio della spinta sui pedali può essere impostata, tramite il comando al manubrio, sui valori di RiverMode (250w di potenza), Breezemode (125w di potenza) e RocketMode (400w di potenza).

La batteria ha una autonomia di 50 km circa.

La potenza del motore si regola al minimo in automatico quando la carica della batteria scende sotto il 15% di capacità.

Il suo pregio principale è che quando il motore non è attivo la pedalata è del tutto priva di resistenze e naturale come fosse una bicicletta normale.

Altro pregio è che estraendo il motore e la batteria si trasforma la bicicletta elettrica in una normale bicicletta.

La qualità costruttiva è ottima e fino ad oggi non si conoscono evidenti problemi strutturali ed anzi si sta dimostrando un prodotto molto affidabile.

Veniamo ora ai difetti.

La batteria è piccola, poco potente e con una autonomia ridotta, va bene su biciclette da città o comunque dove si prevede un utilizzo per non molti km. I 50 km di autonomia sono invatti un un buon 30% inferiori ad altri concorrenti, invero più ingombranti e pesanti; però l’autonomia rimane il vero limite di questo prodotto, ottimo se adottato su di una city bike, meno valido sulle altre tipologie, nate per fare più km.

Il sistema di disaccoppiamento tra motore e movimento centrale è una bella novità, ma è un ulteriore punto di possibili rotture e malfunzionamenti. Fino ad oggi, inoltre, non si conosce la sua affidabilità nel lungo periodo.

Nel complesso un bel motore e riteniamo che il sistema di disaccoppiamento tra motore e pedali venga copiato anche dagli altri costruttori, Bosch e Shimano in primis.

Altro vantaggio sono le sue dimensioni compatte e poco invasive, ma che si pagano con una autonomia ridotta della batteria, vero difetto di questo motore.

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Twitter

Tags: fazua

Stampa Email